Tag Archive 'Technogym'

Dic 02 2014

Nerio Alessandri, un libro per smuovere

Published by under libri,segnalazioni,vita reale

NerioCoverPer Nerio Alessandri da queste parti si nutre una grandissima stima: è una di quelle persone in grado di cogliere gli aspetti fondamentali di una disciplina e applicarli rapidamente, e con successo, al proprio ambito.

Fin dagli inizi, con questo spirito il giovane Nerio riesce a crescere e a creare quel gioiellino che è Technogym. Dalla meccanica all’elettronica al digitale e, per il prossimo futuro, l’Internet of Things.

Di fronte al suo libro – “Nati per muoverci“, Baldini & Castoldi, (IBS o Amazon) – è raro trovare un testo in grado di prestarsi a così tanti livelli di lettura: un viaggio negli anni ’80, un saggio di formazione, un’epopea imprenditoriale, un manuale di business innovation e management, un programma politico nel senso più nobile dell’espressione.
Gli elementi che legano questi generi così diversi sono quelli dei materiali preziosi per una mente viva: curiosità, consapevolezza, intuizioni, cultura del lavoro.

Il libro è godibile in grandissima parte e si legge tutto in un fiato, forse si trascina un po’ nel finale ma riesce a restituire in quasi tutte le sue righe una gran quantità di concetti e aneddoti legati agli inizi, ai sodalizi sportivi e agli incontri più importanti legati allo sport, allo spettacolo e alla politica: Senna, Briatore, Schumacher, Todt, McCartney fino all’episodio meraviglioso del Cremlino o all’inaugurazione del Technogym Village.

Non sono solo storie piacevoli o interessanti. Lungo le pagine Alessandri riesce a spiegare con semplicità l’elemento centrale del suo modus operandi, che è il vero protagonista del libro: l’imbestio di suo conio, quel misto di fame e grinta per il risultato e il prodotto, quella forza che porta lui e i suoi collaboratori a migliorarsi sempre, a non sedersi mai sugli allori.

Se una cosa ha successo, è già vecchia” è uno degli adagi più paradossali di Alessandri: riesce a comunicare pienamente l’amata distruzione creatrice di Schumpeter che, tuttavia, non si limita ai concorrenti o all’ambiente in cui opera l’azienda ma passa soprattutto per la propria azienda.
Il grande merito di Alessandri è quello di aver posizionato la sua azienda su concetti più alti, non solo aggiungendo il tocco in più, quello italiano legato al design, ma anche associando la propria impresa – la lingua italiana che permette questa doppia sfumatura è una lingua meravigliosa – alla filosofia del Wellness catalizzando e cavalcando una vera e propria domanda latente. 

L’obiettivo di Alessandri è ambizioso: il miglioramento della vita delle persone attraverso uno stile di vita adeguato che include il movimento, la salute e la prevenzione. A questo proposito c’è una sua frase dalle implicazioni molto forti: “la cura è un diritto, la prevenzione un dovere“. Dentro ci si vede una dottrina politica fatta di consapevolezza e responsabilità, sia verso gli altri che verso se stessi.

Sarebbe fantastico poter scrivere molto altro sul libro ma non si vuole correre il rischio di rovinare il piacere della lettura (disclaimer, tomo che ho avuto in dono ma che avrei acquistato).
Un ultimo consiglio. Per questo Natale fate un favore alla comunità, regalate “Nati per muoverci”a chi è in crisi, si piange addosso, deve crescere se stesso (o i figli), oppure prendetelo per voi stessi, leggetelo e poi gambe in spalla per rendere questo mondo un posto migliore.

Commenti disabilitati su Nerio Alessandri, un libro per smuovere

Set 13 2012

LeWeb ’12: il fascino discreto di Internet

Pare che anche quest’anno ritornerò a seguire LeWeb, una di quelle conferenze con panel eccezionale e tanta socialità diffusa tra gente dell’Internet. Uno di quei posti dove è importante esserci perché incontri il mondo e manca soltanto Dio (e non mi riferisco a quello Steve morto l’anno scorso..).

A dir la verità, da queste parti, non ci si sperava tanto nella riconferma ma sono stato molto fortunato. Si sa che con Paris ho un feeling particolare e che per me LeWeb rappresenta un corso di igiene mentale sulle stato dell’Internèt.

Fatta questa premessa, quest’anno il tema 2012 è Internet of Things, ovvero come cose, sistemi e persone potranno comunicare attraverso un indirizzo ip: è il fascino discreto di Internet che penetra sempre più con facilità nelle nostre vite e, finalmente, nei nostri oggetti.
Ne avevo sentito per la prima volta su Working Capital con il progetto di Andrea Reginato e da allora sono passati due anni, le possibilità e i mercati sembrano illimitati e parlarne ora, dicono, è come prevedere il mercato per le plastiche nel 1940.
A LeWeb si proverà a farlo e per questo motivo invitano al solito gente che ne sa a pacchi anche se, pare, stanno ancora cercando qualcuno da invitare.
La prima persona che mi è venuta in mente è una persona molto intelligente che ho avuto l’onore di conoscere un anno fa e che mi ha travolto con la sua capacità di comprendere e interpretare Internet nelle sue 8 miliardi, come gli individui sulla Terra, di sfaccettature.
Questa persona si chiama Nerio Alessandri, il fondatore di Technogym, uno talmente figo che nella sua bio su twitter scrive Italian startupper, Technogym founder, promoting Wellness as an opportunity for a better World.

Secondo me lui può dare molto in termini di vision su come legare l’Internet of Things con il fine sociale (il Wellness), e si merita un palcoscenico internazionale. Io l’ho votato, perché non lo fate anche voi?

Commenti disabilitati su LeWeb ’12: il fascino discreto di Internet