Tag Archive 'social network'

Giu 22 2011

Pisapia e il buongoverno dell’amministrare con i piedi (degli altri)

Published by under comunicazione,vita reale

Qualche settimana prima delle elezioni ho avuto la bdc aka opportunità di incontrare Pisapia con un manipolo di bloggerz milanesi.
Il leit motiv dell’incontro sembrava essere “cosa vorremmo da Pisapia per dargli il nostro voto?” oppure il ruolo della Rete nel processo di watch dog (tanto per fare gli anglomilanesi), invece è stato qualcosa di più profondo e per certi versi contrario.
Erano i giorni precedenti ai #Morattiquotes e a tutte quelle cose di cui in moltissimi, con maggior competenza peraltro, hanno parlato. Quindi, in effetti, si è visto poi il ruolo che la Rete, perlomeno in campagna elettorale, ha avuto. Una risata li ha seppelliti.
L’incontro ha poi preso altre strade con alcune domande più o meno pertinenti: da queste parti si ha avuta la possibilità di farne una sui propri temi di interesse come innovazione, imprenditoria giovanile, Internet bla bla, ricordando la bella esperienza di Berlino dove lo sviluppo attuale è legato alle 3 T che più ci sono care: tolleranza, tecnologia e…(come si chiama? Scusi, glielo dico fra 5 minuti…ah, talento!. (un altro tassello alla lista delle fdm). La risposta è stata più o meno convincente, sono curioso di vedere nei prossimi mesi e anni.
Detto questo, di Pisapia e della sua capacità di ascoltare si è già parlato ma quel che più ha colpito è stata la domanda diretta che l’allora candidato a un certo punto ha posto più o meno in questi termini: “Come possono le dinamiche della Rete aiutare la città?”. Nessuna risposta di rilievo, forse anche per questo motivo è stato un tarlo che ha continuato ad agire in background. La prima idea era quella di usare il trend emergente per eccellenza della geolocalizzazione per la segnalazione di problemi, ci si è ricordati di alcune piattaforme che peraltro da queste parti si sta usando per altre cose in cantiere : ), e si è data un’occhiata ad altri progetti in cui la geolocalizzazione fosse al servizio del cittadino attivo.
Pochi giorni prima del ballottaggio lo staff digitale ha agito in tal senso ma le diverse segnalazioni risentivano della tensione e dell’ansia rispetto alla prossimità del voto. Poi sappiamo com’è andata ed è ora di pensare alla parte più difficile, quella dell’amministrazione della città.
Ora è uscita questa piattaforma di Google su L’Aquila. Noi L’Aquila è un’iniziativa molto bella, che ruota intorno alle sezioni “esplora e ricorda” e “ispira il futuro”. La prima per il passato, il ricordo, la condivisione. La seconda per la ricostruzione. Überlike.
Lo stesso concetto si può portare per l’amministrazione: aspettiamoci un governo della città con cittadini vigili, armati di smartphone, twitter e foursquare, pronti a segnalare le beghe all’amministrazione tramite l’utilizzo consapevole di hashtag. Una luce – con tutto quel che comporta in termini di sicurezza – che non funziona? E l’hashtag #luce fu. La discarica abusiva o il rifiuto ingombrante? Ci pensa #amsa.
Insomma, il governo della città può passare attraverso un uso consapevole e distribuito degli strumenti digitali che lanciano messaggi da raccogliere e convogliare. Avendo una certa visibilità su progetti simili, da queste parti si sa che l’implementazione di processi, raccolta e analisi dati richiede competenze, coordinamento, lavoro ma non sono cose impossibili. Basta provarci contando su una minoranza rumorosa che usi volontariamente certi strumenti. Poi in futuro si andrà oltre, con sistemi automatici.
In scienza delle finanze, se ben ricordo, c’era un concetto come “votare con i piedi“, situazione perfetta e “mobile” di decisione politica per cui, trasferendosi da un territorio all’altro senza costi di transazione, gli elettori di fatto esprimevano una preferenza sull’amministrazione. Rubando l’immagine, i prossimi 5 anni, grazie all’opportunità dei Social Media, potrebbero essere dunque quelli dell’amministrare con i piedi, degli altri. Ma in questo caso, sarà una buona cosa.

(img tratta da 0.2)

Commenti disabilitati su Pisapia e il buongoverno dell’amministrare con i piedi (degli altri)

Gen 07 2011

Foursquare, farsi confermare la venue di Oca Giulietta

Published by under comunicazione,io,social network

Pochi giorni fa, è arrivata nella casa veronese una busta. Il logo era inconfondibile: Foursquare ha mandato finalmente il codice per confermare la proprietà della venue.

Oca Giulietta ha quindi una propria presenza ufficiale su Foursquare oltre a quella su Facebook. (per il sito web vero e proprio, ci sarà bisogno di ancora qualche settimana).

L’idea alla base è quella di fare delle offerte speciali per i diversi canali, non tanto per aumentare chiffre d’affaires – oggi il tasso di riempimento è già alto e mia madre, deux ex machina di Oca Giulietta, non riesce già starci molto dietro – ma per spingere verso utenti più acculturati che siano venuti a conoscenza di Oca Giulietta attraverso il passaparola. (e si spera in questo modo che quelli maleducati tendano a zero).

In ogni caso, per farsi confermare la venue, basta andare nella scheda di quest’ultima su Foursquare, cliccare “Do you manage this venue? Claim here” in alto a destra e seguire i pochi passaggi necessari. Avendo difficoltà a fare la conferma via telefono, si è richiesta la conferma attraverso la cara e vecchia posta. Dopo qualche settimana, è arrivata la busta con codice e vetrofania e di lì il passo è stato breve.

Commenti disabilitati su Foursquare, farsi confermare la venue di Oca Giulietta

Ago 26 2010

Il badge di Renzo e Foursquare per il turismo

Published by under comunicazione,social network

Sembrava dovesse essere l’anno di Chat Roulette e dei suoi cloni e , invece, lo sarà di 4square (vd. gli ottimi post di GBAVincos), il servizio di geolocalizzazione, che probabilmente riuscirà a spuntarla su tutti gli altri.
La cosa più interessante è come Crowley e soci siano riusciti a guidare la sua diffusione e capillarità sul territorio attraverso un meccanismo di gaming che assegna dei punti per ogni tappa, fino a definire una serie di lustrini, i badge, a decretare il sindaco di un luogo. La cosa si presta a tanti utilizzi ed è molto probabile come la caratteristica di gioco verrà vieppiù messa da parte a favore di altri usi. I tempi sono oggi maturi per cominciare a immaginare dei progetti.
Soprattutto, perché da queste parti – pur essendo mayor di 4 sole venue – si pensa che 4sq sarà per gli esercenti quello che è stato Facebook per gli utenti:è l’anello di congiunzione tra mondo reale e online e può essere ben sfruttato anche dalle aziende più importanti, fino a quella più importante, lo Stato.

Ispirato da Diomira che mi ha fatto leggere in privato un progetto per il turismo online – ho provato a immaginare 4sq sul nostro territorio e scenari in cui il ministero del turismo fosse coinvolto (fatta salva la precedenza di risorse a italia.it). Alle venue principali si possono associare link agli store di vari prodotti – cibo, letteratura, etc – che esprimano al meglio l’italianita’, ma soprattutto i badge possono essere tradotti nel linguaggio della letteratura italiana e dei grand tour del ‘700, quando un giro per lo stivale faceva parte del repertorio culturale e del cursus di formazione di qualsiasi giovine uomo.

Ad esempio, il badge Renzo per chi gira in Lombardia, il Conte di Carmagnola per il Piemonte, i badge Levi per chi unisce Torino ed Eboli, Fogazzaro per il piccolo mondo antico della campagna veneta, Dante per chi, scacciato da Firenze, si rifugia a Verona, il badge Svevo per chi non si decide di andar via da Trieste e fa check in in un tabaccaio locale*.

Insomma, il gioco si presta a mille declinazioni su un target heavy user che ha voglia di comunicare dove si trova in questo momento e dove alla presenza online si lega la narrazione di quella piccola cosa che fai quando non fai tutto il resto e che si chiama vita.

*quali altri badge potrebbero esserci?

Commenti disabilitati su Il badge di Renzo e Foursquare per il turismo

Lug 23 2010

Tra identità privata che diventa pubblica e identità pubblica privata*

Published by under social network,vita reale

*da privare
Nelle sue foto su Facebook Michele sorride: le vacanze con le ragazze, le serate con gli amici e lo sport che lo ha accompagnato per tanti anni. Tutto lì nel social network più importante del momento. Non sono molti gli anni che Michele è iscritto ma ha avuto il tempo di riempire di contenuti il suo profilo che però resta aggiornato ad aprile 2009.
Sì, perché nel frattempo Michele è scomparso nel sonno. La bacheca presto si è riempita di ricordi e molti dei suoi amici – compagni di una vita e occasionali incontri di una sera – ancor oggi pezzi di ricordi e aneddoti che farebbero ridere e incazzare Michele, ragazzo generoso che come, tutti i timidi, oscillava tra ostentazione e massima riservatezza.

Quest’anno è venuto meno uno di quelli che la comunicazione in rete, quando ancora questa non esisteva, l’hanno creata. Il cordoglio significa una pagina Facebook aggiornata dalla compagna e presto riempita dalla rete di contatti che hanno accompagnato la vita di Alex.

Nel frattempo, dal Messico arriva la notizia di un attentato a un amico della sorella di chi scrive. “Un bravissimo ragazzo, sempre sorridente. Entra nelmio facebook, cerca [****], vai sulle foto e vedi il tipo poi capisci un sacco di cose”. Ma si continua a non capire il motivo di una morte così.

Già, la morte. I primi momenti in cui i Social Network hanno cominciato a prendere piede erano la novità con cui confrontarsi. La facilità di condivisione, i commenti, e le foto, i video: era tutto così gioioso e semplice pubblicare quello che la vita donava. A volte questa veniva accolta in diretta: ricordate la nascita di Milan, il figlio di Scoble, e il tweet del padre? (povero figlio, ça va sans dire)

Gli anni passano, i SN sono sempre più diffusi, specchi della realtà ormai rodati e patrimonio di tutti, e accade che i principali fruitori comincino, purtroppo, a mancare.
Così, càpita che il fatto più privato che ci possa essere – la propria scomparsa – venga raccontata da altri: questo perché sempre più, con questo straordinario strumento che è Internet, l’identità privata diventa ormai pubblica e l’identità pubblica viene privata – da privare – della sua linea di demarcazione con l’intimità.

Già, perché oggi i modi di utilizzo dei SN possono essere rappresentati come una linea lungo un continuum, ai di cui estremi ci sono l’identità digitale in senso stretto e la personal syndication.

In generale, i SN – Facebook in primis – rappresentano un ibrido tra identità digitale e distribuzione di contenuti più o meno personali.
Nella personale statistica di chi scrive, quelli più a rischio sono i giovani o i flaneur di professione, quelli che pubblicano tutto tranne significative eccezioni dettate dal ritegno e il pudore. Tra i contatti più maturi, tranne rari casi, invece prevale la tendenza a utilizzare Facebook e i suoi complementi come siti per segnalare eventi, prodotti o qualsiasi altra idea. Una sorta di syndacation di se stessi.
Chiaramente si oscilla tra le diverse tendenze ma il problema di un dopo, una vita oltre Facebook così come oltre la morte, è reale. Un’amica, Alessandra, mi scrive “si rischia di privare al morto la possibilità di replicare a quanto viene scritto su di lui… è un po’ una violenza. il necrologio è fatto di poche righe di commemorazione, sul sn puoi pubblicare di tutto“.

Da queste parti non si hanno idee al riguardo su cosa fare. Esistono servizi, immagino, che si occupano della propria presenza online quando uno non c’è più. Ma forse basterebbe affidarsi a un amico con un po’ di accortezza. Disposizioni chiare e chiavi di accesso alle diverse proprietà online. Ciononostante, i dubbi sono tanti come di quel che succederà, un giorno, a questo post.

PS Anche l’ottimo, al solito, Dario ne parla.

Commenti disabilitati su Tra identità privata che diventa pubblica e identità pubblica privata*

Lug 21 2010

Giovami: nuove startup crescono

Nei mesi scorsi, un po’ per lavoro, un po’ per passione, da queste parti si è cominciato ad apprezzare il lavoro di Emanuele ed Alessandro. Dopo qualche mese di incubazione, la loro creaturina, Giovami.it, finalmente nasce il mese scorso.Alcuni potrebbero dire che si tratta del solito social network ma Giovami rappresenta un ibrido interessante tra social networking e agenda eventi. Un po’ ricorda Zero 2 ma con qualcosa in più – la raccolta punti – e un meccanismo forse un po’ complesso ma che a valle comporta tutta una serie di strumenti di marketing potenzialmente interessanti, sia in fase di leading sugli eventi che di controllo e valutazione risultati.Soprattutto, con la tendenza che si sta sviluppando intorno alla geolocalizzazione, si potrebbero rendere molto più semplici i meccanismi attuali di autotracking. Insomma, Giovami potrebbe ritagliarsi il suo spazio a Milano ed essere anche esportabile anche all’estero.Inoltre, le persone dietro sono competenti e lungimiranti, hanno visione strabica (cit. “occhio ben puntato all’orizzonte e uno fisso per terra”) e hanno buon gusto nella scelta degli eventi da spingere con le gocce. Insomma, in bocca al lupo!

Commenti disabilitati su Giovami: nuove startup crescono

Mar 16 2010

Facebook, realta’ aumentata, QR code

Published by under comunicazione,social network

qr codePoche ore fa, verso mezzogiorno, Facebook ha rilasciato una nuova funzione, proprio sotto la foto del profilo, per generare un QR code del proprio status.

I QR code sono quei quadrati con dentro altri quadratini, delle specie di codici a barre piu’ complessi che permettono agli utenti di alcuni telefonini di avere delle informazioni aggiuntive.

Interessante e’ la funzione di generare il PDF del codice da inserire su documenti, biglietti da visita, cartelloni pubblicitari. Basta puntare l’obiettivo del telefonino sul QR code e, nel caso di quello fornito da Facebook, si e’ veicolati verso il profilo utente o la Fanpage.

Niente piu’ problemi nei club rumorosi. Bastera’ usare un telefonino e scambiarsi il QR code.

La funzione era – e’ d’obbligo l’imperfetto perche’ dopo pochi minuti e’ stata tolta – presente anche sulle Fanpage aziendali e non funzionava, i codici nn venivano generati ne’ esportati.

Tuttavia, dopo la mossa di fondere la Chat di Facebook con il Messenger, e’ interessante capire come si sta muovendo il colosso di Palo Alto: sta fornendo alle Aziende la possibilita’ di creare maggiore interazione e viceversa, forte dei suoi 400 milioni di utenti, suggerisce una stretta identificazione tra QR code e la piattaforma stessa. E’ il definitivo sdoganamento sulla massa degli utenti, la forzatura per rendere piu’ coinvolgente la presenza delle aziende su Facebook e portarle sempre piu’ sotto il suo cortile.

Le domande dunque sono: sempre piu’ vedremo aziende con il sito principale su Facebook? Quanto le aziende sono disposte a cedere il controllo dei dati sui  proprio utenti alla piattaforma? Ma, soprattutto, quanto gli utenti saranno contenti di questa funzionalita’?

One response so far

Nov 09 2009

Prossimi passi: US e LeWeb

Domani mattina partenza per un breve giro negli States. Da queste parti ci si aspettano le solite meravigliose sorprese dettate da uno dei pochi princìpi guida, la serendipity.

L’altra volta è stato intenso, pur breve, l’ideale per un assaggino di cheesecake.  Tra le immagini che rimarranno ci saranno i Cubs vincenti – cosa assai rara – il sorriso delle persone e la luce rapida di Chicago tra i grattacieli del loop ma anche a North Michigan av.

Quest’anno si è preso gusto e quindi i giorni sono diventati 28, fino al 6 dicembre, con una tappa New York da un’amica e una deviazione all’ultimo in luogo da decidersi.

Il ritorno è su Paris il 7 dicembre dove si ricomincia con la professione, diciamo così: si va lì per assistere a LeWeb e per costruire e riprendere i contatti del lavoro precedente all’ultima esperienza, lavoro dove grazie ai miei ex colleghi ho lasciato un buon ricordo, anche tra gli addetti.

Dopo l’avventura, persa, dell’ultimo anno si è abbastanza restii a rischiare. Come dicono nei Balcani, quando ci si scotta con acqua calda, anche lo yoghurt fa paura. Quindi, si va a Paris con uno spirito eccitato ma controllato, riflessivo ma anche un po’ sfrontato se si vuole fare una buona copertura dell’evento, come vorrei. Qualcuno in proposito ha da suggerire qualche domanda per LeWeb?
LeWeb'09 - Register Now

2 responses so far

Ott 26 2009

A’ Paris pour LeWeb: la côté charmante de l’Internet

Published by under io,segnalazioni,social network

Oggi pomeriggio si è finito un ciclo di lezioni di marketing presso un master: ragazzi bravi, carini e sorridenti. Ora ci si può dedicare ad impicci burocratici riguardo casa e altre quisquilie.
Quello che arriva si preannuncia un mese duro e ricco di sorprese: quando non hai nulla da perdere, arriva il meglio.

In ogni caso, il solo appuntamento certo per le prossime settimane è Paris nei primi di dicembre.
Non si sa perché ma gira e rigira si è sempre lì. Sarà per gli amici e la straordinaria allure che mi lega a Lutetia?

Da queste parti, infatti, si è riusciti con un po’ di fortuna a ottenere un bel pass da official blogger per seguire LeWeb, insieme ad altri 4 compatrioti: Luca, Tiziano, Dario che ritrovo dopo qualche anno, e Stefano, il quarto, che non ho ancora avuto modo di conoscere.

Il panel è dappaura, gli incontri saranno interessanti e sarà l’occasione di allargare le proprie conoscenze professionali e umane: soprattutto, si potrà sperimentare nuove tecniche di copertura eventi attraverso l’uso di friendfeed per il live blogging e del blog stesso per discorsi più strutturati.

C’è qualche giorno per decidere la brevissima scheda biografica: son indeciso fra bof manager e il sempre valido fashion victim manager ma si accettano volentieri suggerimenti.

Per eventuali sconti, cè questo codice del 10%: BLOG09.

3 responses so far

Set 18 2009

Mixcloud, ci piace!

Published by under musica,social network

Grazie a Techcrunch UK, si ha potuto provare Mixcloud, una nuova piattaforma di musica che permette, lato produttore, di caricare show, DJ mixes e podcast e, lato utente, di scoprire facilmente nuovi contenuti: la definizione di Techcruch di youtube delle radio online mi sembra un po’ limitativa. Dentro c’è twitter e amazon, delicious e lastfm, raccomandazioni e following, e soprattutto tante playlist.

September 4 Mix Cloud Minimal Podcast(Exclusive) by Mut&Hell on Mixcloud

La mia impressione? E’ presto per fare previsioni, forse è l’ennessimo social network sulla musica, pur ben fatto, e mancherà la mission in fatto di podcast ma potrebbe diventare un bel repository per playlist di DJ.

Da lunedì aprirà al pubblico, non solo ai beta-testers: solo allora si potranno avere delle valutazioni oggettive.

Se vuoi un codice invito, fammi sapere, sempre che non siano già finiti visto che se n’è twittato in merito.

Commenti disabilitati su Mixcloud, ci piace!

Ott 14 2008

Amazon e Rhapsody e il digital music market

Published by under musica

Nell’ultimo anno, Amazon Music e Rhapsody hanno registrato una crescita esponenziale senza tuttavia intaccare il monopolio di iTunes, percepito dai consumatori come il più completo ed economico. Eppure, iTunes ha poco da gioire: come tutti i monopolisti, è per certi versi bloccato e ha il rischio di dissipare il patrimonio che peraltro si è guadagnato meritatamente, inventandosi un nuovo mercato. Le altre due società nel frattempo hanno stretto accordi e lanciato mosse che li stanno aiutando ad aumentare la riconoscibilità.

Da queste parti, si ha una vera e propria ammirazione per come si sta muovendo Amazon, in particolare. Quello che sta facendo la creatura di Jeff Bezos è stringere una serie di accordi commerciali con alcuni social network come last fm o il fantastico the sixtyone, per generare leading verso lo store. C’è poi la gran comodità di non dover aprire un software residente come iTunes e l’assenza dei fastidiosi DRM o più in generale di restrizioni sul brano acquistato.

Anche iTunes lo sta facendo, in parte, ma non con la stessa convinzione. E’ la miopia del vincitore. Il monopolio è reso, infatti, profittevole dagli apparecchi fisici venduti: gli ipod generano traffico verso lo store. Per minare questo monopolio si dovrebbe rompere la filiera con nuovi device (i telefonini?), aspettare l’intervento dell’antitrust per il problema di fairplay, o più semplicemente augurare un miglioramento dei servizi per il consumatore da parte della concorrenza.

Commenti disabilitati su Amazon e Rhapsody e il digital music market

Ott 06 2008

Le mail scompaiono, l’incertezza resta

Published by under comunicazione,social network

Bolla si interroga sulla scomparsa delle mail. Era un post che pensavo di scrivere da un po’ ma tant’è. Vi aggiungo una considerazione.
Tanto tempo fa, Scoble diceva che le email sarebbero scomparse e che le comunicazioni sarebbero avvenute via twitter. Sul primo punto, perlomeno a livello di cazzeggio, ci ha azzeccato, solo che il sostituto è Facebook, non quella fuffa simpatica elitaria di twitter.
La ragione, il punto è che facebook è molto più semplice per gli utenti rispetto alla mail. Fazzalibro è un medium basato sulla persona mentre la mail lo è, di fatto, su un codice alfanumerico che corrisponde ad una persona. E’ un passaggio in più ma fondamentale perché in esso ci si vede l’incertezza per cui la casella di posta del destinatario non sia, tra tante cose, più quella.
L’esigenza fondamentale è sapere che la comunicazione sia arrivata, che poi sia attraverso mail o social network, ha poca importanza.

One response so far

Ott 03 2008

Another yet map of social networks’ popularity

Via alberto, arrivo all’ennesima mappa sulla diffusione dei social network nel mondo. Le considerazioni sui cambiamenti rispetto ad agosto 2008 confermano, come ce ne fosse bisogno, l’ascesa di Facebook, anche in Italia.

Facebook gains Albania from Hi-5
Facebook gains Austria from MySpace
Facebook gains Bahamas from Hi-5
Facebook gains Italy from MySpace
Facebook gains Libya from MySpace*
Facebook gains Madagascar from Skyrock
Facebook gains New Zealand from Bebo
Facebook gains Qatar from Orkut
Facebook gains Uruguay from Orkut

social networks’ map

Peraltro, i dati di quest’ultimo social network, essendo a naso più veritieri, sono molto più vendibili rispetto a quelli di altri.

Commenti disabilitati su Another yet map of social networks’ popularity

Next »