Tag Archive 'musica'

Feb 17 2009

Babelgum e musica

Published by under musica

E’ interessante notare come non solo le grandi multinazionali come Bacardi ma anche le media company startup utilizzino il veicolo della musica per far brand awareness, far leva sugli utenti e creare con questi un legame emotivo.
Anche Babelgum
si muove sempre più nel territorio della musica: recentemente si è concluso un concorso di videoclip indipendenti con una giuria presieduta dall’amato Michel Gondry. Ha vinto il video di Quio, un’artista (?) berlinese. Il video è molto carino, la canzone invece fa un po’ schifo ma tant’è: alla cantante basta fare l’artista.

Babelgum ha altre esclusive sui Franz Ferdinand: tutte belle cose, gli unici crucci sono che non siano embeddabili sui blog e che si debba installare il player babelgum, in ogni caso un piccolo pegno per dei contenuti di qualità.

(via catherine)

Commenti disabilitati su Babelgum e musica

Feb 16 2009

Pharrell e l’aftershow dei Daft Punk

Published by under musica,segnalazioni

Ci sono pochi set che riescono a coinvolgere così tanto: in mezz’ora – tra intro, flusso, pestone, chilling finale, onore per i partecipanti – c’è dentro la summa di tutto quello che bisogna fare per prendere all’amo gli ascoltatori e portarli, zompettando, nel proprio mondo.

Il set di Pharrell – che per descriverlo ad una mia amica è diventato quel dj nero con un branco di tartarughe sulla pancia – in un aftershow al concerto parigino dei Daft Punk ci riesce perfettamente. Lo si può scaricare da qui.

In questo caso, sarà stato meglio il concerto o l’aftershow?
Per scoprirlo, vi basta appizzare le cuffie: tease your earphonez!

(thanks to Disconnesso)

3 responses so far

Feb 13 2009

Simian Mobile Disco: Synthesise

Published by under musica

I Simian Mobile Disco, dopo averci deliziato con il video più erotico della storia della musica dance, lanciano il video più “palloso”. Scoprite perché.

(via rocksuckers)

3 responses so far

Feb 06 2009

Groove Armada e Bacardi: shakin’your drink

Published by under musica

Gli artisti oggigiorno sempre più ricorrono alle sponsorship aziendali per andare avanti e alle aziende spesso serve un veicolo molto forte per entrare nelle grazie dell’utente, prima che del consumatore.

Proprio a metà strada si sono ritrovate Bacardi e Groove Armada, uno dei gruppi migliori che mi sia mai capitato di sentire e, come dj chic:), mettere su, per un progetto che si chiama B-live.

Non è solo un tour musicale diretto dai Groove ma funziona anche come una piattaforma che ricorda quelle strutture piramidali tipiche del marketing, quelle per le quali, a seconda delle persone che riesci a far iscrivere, accedi a dei livelli e a dei premi. Una cosa piuttosto antipatica, insomma, con la differenza per cui “the more you share, the more music you get”.

I premi sono carini: una volta iscritti, si riceve il primo pezzo; fatti iscrivere degli amici, si ricevono altri pezzi e così via, fino a 3 gradini.

Il primo pezzo lo devo ancora scaricare, mentre il secondo lo avevo già. Così, lascio il link personale per iscrivervi e aiutarmi a raggiungere il terzo step: mi date una mano?

Le canzoni, una volta scaricate, si possono tranquillamente condividere: è tutto gratuito e legale perché l’azienda paga già alla fonte. Ma è un modello di business replicabile questo? Si può fare solo con i gruppi già avviati? E con gli emergenti?

zenoteo has shared an exclusive Groove Armada track with 0 people on B-Live Share

Get the track for yourself and start sharing

2 responses so far

Gen 21 2009

Il tuo artista preferito..

Published by under musica,segnalazioni

..è quello che puoi vedere nella tua città. Via FB, una mia amica ha segnalato un sito dove è possibile firmare una sorta di petizione per chiedere un concerto.Forse non sazia del fatto che questo dj andrà al matrimonio di lei a suonare, la mia amica ha optato per Federico Aubele della ESL lounge, la casa degli amati benché persi Thievery,Dopo essermi perso il concerto nel maggio scorso – ma la contropartita, come direbbe la carmen, era considerevole – ho richiesto un nuovo concerto dell’amata Feist.Me la date una mano, per favore?

View all Milan events at Eventful

6 responses so far

Gen 16 2009

Uno spagnolo di Verona

Published by under comunicazione,musica,segnalazioni

Insomma, questo 2009 é cominciato da un po’ ma sembra un 2005 riedizione deluxe (ndr, l’anno fondamentale della mia vita). Lavoro, amici e quello strano smirk degli occhi che ricorda questo pezzo, tanti altri scampoli di vita milanese e di socialità diffusa, concetto che da queste parti si predica e – almeno in questo caso – si razzola con altrettanto furore.

Tra le novità dell’anno a venire ci sono un po’ di concerti da seguire, qualche malsana quanto velleitaria idea e l’ipotesi nome in codice 4A che bazzica da un po’ da queste parti. Nel frattempo ci si diverte un po’ con pronti al peggio, già segnalato da molti.

La puntata di oggi vede protagonista il bravo Tommaso Labranca, purtroppo scomparso negli ultimi anni ma sempre capace di dare delle perle (“si canta in inglese per essere ignorati sia in Italia che all’estero” o la frase del titolo, ge-nia-le). Se oggi questo scampolo di 2009 mi ricorda il 2005 un po’ lo si deve anche ad aver rivisto gente come lui. Godetevelo!

5 responses so far

Gen 07 2009

Music Blog Zeitgeist

Published by under musica,segnalazioni

Sulla falsariga dello zeitgeist di Google, uno dei principali spacciatori di buona musica ha messo su quest’anno il Music Blog Zeitgeist, speciale classifica degli album, gli artisti e le canzoni più scaricate nel 2008. Piano piano, di ogni categoria ne stanno mostrando 10 al giorno fino a venerdì.
Insomma, è d’obbligo un giretto per recuperare le chicche su cui si è scatenato più hype nel 2008 – ma ancora attuali nel 2009 – e per scoprire qualcosa di nuovo.
Di seguito il lettore degli album da ascoltare. Solo per palati fini.

2 responses so far

Gen 06 2009

Di iPod, longevità e fruizione

Published by under io,musica,segnalazioni

E’ tanto tempo che ho in canna questo post: l’ottimo Gioxx chiedeva alla fine di novembre quali fossero gli album più longevi sul proprio lettore mp3. Nel mio caso, con una certa calma, mi fa piacere segnalarne 3 che, nonostante siano cambiati i gusti di chi scrive e soprattutto il modo di fruire la musica, rimangono lì imperterriti.

  • Lenny Kravitz5“: bellissimo album del ’98, scoperto durante una vacanza con Eazy, che all’epoca era Wasta, all’Elba, vacanza dove l’unica volta che finimmo in spiaggia nn facemmo neanche il bagno, per le meduse. Per poi dormire, alzarci alle 5 e andare per i dancefloor dell’isola all nite long (seeeeeeeh). L’Elba fu anche il luogo della prima versione di Sweet home Alabama dei Lynird Skynird che mi ricordi e di una pasta krasta wurstel e tonno che ci inventammo. Grandissima vacanza dove Eazy cominciò a diventare il mio spacciatore di riferimento.
  • Autori Vari300% dynamite“: compilation con i più classici autori reggae da Lee Scratch Perry a Shark Wilson a Sister Nancy, praticamente la base per ogni dj che si rispetti e per ogni serata con un unico comune denominatore: il grande fun. Anche questa è opera di mr. beloved Eazy ma il ricordo più vivo legato a questo album fu il soggiorno di una casa di Limerick alle 6 del mattino, con il bagno del piano di sopra che colava acqua di sotto sul dancefloor e noi di sotto a ballare, fradici, sulle note di Jungle Lion (parte a 23s con quel fenomenale riff). Gran vacanza, grand potatoes.
  • Autori Vari7 – Gli Anni ’50“: anche questa è una compilation di quelle dedicate al Jazz che uscirono con Repubblica intorno al 2000. Ci sono dentro pezzi famosissimi jazz come Take 5 di Dave Brubeck o That old black magic di Oscar Peterson, pezzi magici e simbolo del periodo jazz più vispo, spensierato e ricercato che sono stati gli anni ’50. E’ un album molto legato ad un volto: la persona non c’è più da un certo punto di vista ma per fortuna l’album è rimasto :)

Questi sono gli album più vecchi che, mi sembra, ho caricato per primi e ho continuato a portarmi dietro i diversi lettori che ho avuto. Certo, il modo di fruire la musica è cambiato ed è quasi antistorico parlare di album in un momento in cui gli album esistono sempre meno e si ascoltano bulimicamente singole tracce così come gli artisti sono sempre più orientati a ragionare proprio in questa direzione.

Proprio per questo motivo, ancor più apprezzabile dovrebbe essere un’opera come Dystopia (gran rece di Eazy) degli amati Midnight Juggernauts che hanno creato questo album pensando ad atmosfere spaziali, quasi alla star trek, sul viaggio, la fuga, la ricerca di se stessi e di un nuovo spazio, lontani da una Terra distrutta.

Il concept album, una creatura misteriosa che rinasce nel 2008 con questo gruppo, i Midnight, decisamente anni ’70 nelle sue sonorità e nelle citazioni. Quest’opera, nella speciale classifica di fine anno, non è stata citata perché la si credeva erroneamente del 2007 ma si sarebbe piazzata sicuramente seconda dopo quel capolavoro dei Cut.

Inutile ricordarlo, il 2008 è stato l’anno dell’Australia.

This world don’t mean a thing to me, without those songs you sing to me

Midnight Juggernauts “Nine lives

Midnight Juggernauts “Shadows” (cominciano lente ma poi spaccano)

4 responses so far

Dic 23 2008

You could have it so much better with…Sloppy winter

Published by under musica,segnalazioni

Eazye, che ormai insieme a qualcun altro si contende la palma di blog dell’anno – non solo musicale – fa una nuova releazye natalizia (cit.).
Pregio, buon gusto e chicche a fagiuolo sono dalla sua parte, come la solito. Accattatevilla!

Commenti disabilitati su You could have it so much better with…Sloppy winter

Dic 22 2008

Disco dell’anno 2008

Published by under musica

Ci sono dischi da far emozionare da quanto sono belli, per i quali la scelta come disco dell’anno 2009 è diretta, intuitiva, immediata, tanto che forse una vera decisione sarebbe per il secondo posto da ponderare, decidere e, infine, assegnare ad uno a caso tra Meg, Bugo, Baustelle, per gli italiani, e Yeti, Vampire Weekend, Glimmers per gli stranieri.
Il risultato è un po’ la logica conseguenza dei numerosi ascolti e di tutti quei momenti – nella banalità dell’esistenza – in cui uno dei loro brani era lì a fare da original soundtrack: salendo le scale da urban outfitters, davanti ai fornelli in cucina, camminando lungo, solitario e orgoglioso davanti a un certo portone.
Un album – questione di gusti – perfetto e spensierato, profondo e narciso. In Ghost Colours, Cut Copy e tutto il resto conta ma manco troppo. Home is where heart is. (my space)

Commenti disabilitati su Disco dell’anno 2008

Nov 27 2008

Music tagcloud

Published by under musica

music tagcloudE’ sempre brutto, credo, associare un quid così pregno di passione come la musica con quella parola oscena che è il marketing. Eppure, trattandosi anche di un’industria, la musica*, bisogna ogni tanto vederla in modo più distaccato senza perdere di vista le emozioni che suscita.

Di fianco la tagcloud di un discorso e un dibattito che i ragazzi di un master hanno seguito nei giorni addietro. Dovrebbe rappresentare quello che è un po’ il futuro di questa passione tra digitale e business.

Non a caso, alla Emi hanno chiamato uno di Procter+gamble e la Atlantic ha dichiarato di vendere più dal digitale che dal fisico.

Comunque bella giornata in cui, in molti momenti Wiki, da parte loro sono arrivate ottime osservazioni, domande difficili, spunti interessanti e opinioni argomentate: per una giornata i ragazzi si sono scatenati nell’unico modo ottriato loro per poter fare una domanda, ovvero – data la peculiarità dell’argomento – a colpi di rock’n’roll.

*anacoluto: figura retorica degli  ignoranti

One response so far

Ott 28 2008

Venerdìchicca/4

Published by under musica,segnalazioni

Nota intro: se pubblichi di lunedì un post che avresti dovuto mettere nella rubrica fissa del venerdì, allora stai malisssssimo (bis docet). Oppure non hai avuto tempo che è meglio (cit.).

Anyway, niente da segnalare di particolarmente importante, forse che mi sono preso, con quel paio d’anni di ritardo, una cotta (oh sweetie, come dicevi blast non ha paragoni) per gli Who made who, uno di quei gruppi che scopro sempre dopo, mai prima, che vengano nella capitale del male (non città, ugo!!!). Poi il mio bestest dealer, su cui nn farò outing, (ho sempre adorato le preterizioni al tempo dell’ipertesto) mi ha scritto di un gruppo very chicca, so blasé e molto wir tamzen: solo 300 ascolti su last fm. E così glielo vorrei bruciare ma nn si fa, no no!

Quindi adelante, con juicio*, sugli Who made who. Gloria eterna a loro che hanno dato il materiale ai Cut per l’episodio più bello della serie Fabric.I due pezzi incriminati sono Hello Hempty Room e Out The Door: cercateli, godeteveli e scordatevi la domanda (già, quale?). I pezzi in originale non centrano una beata fava ma sbarellano di brutto (cit.).

Da quando sono passato dall’altra parte della barricata, non posso che lasciare un link a songza che a sua volta fa leading su imeem. In attesa del nuovo album (marzo 09), eccoli:

Who made who Space for rent: qui
Who made who Out the door: qui

*per gli ignoranti, non è mia

3 responses so far

« Prev - Next »