Tag Archive 'microsoft'

Dic 07 2010

Microsoft Speed Dating: l’incontro aziendale definitivo

Published by under social network,vita reale

Un paio di giovedì fa ho avuto la fortuna di poter partecipare come blogger alla serata di incontro di Microsoft, coadiuvata dall’agenzia con cui lavoro Hagakure, con alcune persone del calibro di GigiGuido, DiegoValentinaAndreaAlbertoSilvioDomitilla,
ElenaAndreaAlessioMauroNicolaSaraLucaFrancescoPieroPaolo,  Luca.

Il momento clou della serata è stato lo Speed Dating: 10 esponenti Microsoft di diverse aree, 5 minuti a disposizione per poter fare loro alcune domande a ruota libera. Luca ed io eravamo insieme a saltare di sedia in sedia. Al di là della gentilezza degli intervistati (e della pazienza, perlomeno nei miei confronti) i contenuti portati sono stati interessanti: la cosa alla quale bisognava fare attenzione era quella di non far parlare troppo perché 5 minuti sono pochi.

Le persone di Microsoft che abbiamo avuto il piacere di incontrare sono state:

  • Emanuele Colli, Online Services,  ci ha parlato di Doretta82 (RIP nonostante fosse presente su oltre 3 milioni di messenger) e che Bing sarà finalmente tra 1 anno tra noi: l’ho provato negli States per un mese e andava molto meglio per quel che dovevo farci, quindi non vedo l’ora.
  • Lorenza Poletto, Consumer Windows Client, ha parlato di Explorer 9 e di alcuni test ma, essendo un po’ impreparati, non abbiamo potuto fare particolari domande.
  • Con il mitico Fabrizio Albergati, Information Worker, si è parlato di Cloud computing e della garanzia che solo un grosso player può fornire in termini di infrastruttura e sicurezza.
  • Giorgio Stifano di Dynamics ci ha invece illustrato il suo software gestionale e ricordato che in Italia servono 500 aziende da 50 dip. in media.
  • Lavinia Pilardi, resp. del settore Scuola, ha ricordato le attività no profit di Microsoft nel settore educativo e come chiaramente sia un settore strategico visto che gli alunni di oggi sono i consumatori di domani.
  • Con Anders Nilsson, evangelist, si è parlato di BizPark e dei programmi Microsoft per il sostegno startup.
  • Matteo Mille, Genuine Software, ha parlato di come la pirateria sia incisiva in Italia e delle strategie per combatterla, legata soprattutto a campagne di prezzo, oltre che di sensibilizzazione.
  • Andrea Calcagni del Customer Service ha avuto gli occhi illuminati quando gli chiedo del Customer Service Microsoft su Twitter: 3 operatori, supporto su lingua, presto anche su Facebook, best practice all’interno della Corporate.
  • Roberta Cocco, Mktg e Communication manager, ha una grande passione e ci ha illustrato un po’ Futuro@lFemminile e i suoi programmi di formazione, imprenditoria femminile e sostegno alle mamme. Le ho chiesto cosa ruberebbe alle altre aziende in termini di sostegno alle donne, ha risposto che non avrebbe preso nulla da altri, anche perché Microsoft è ormai un’azienda consolidata con una presenza femminile di lungo corso.
  • Antonio Giolitto di XBox ha illustrato Kinect senza farsi lasciare dati sulle previsioni di diffusione (anche se nei giorni successivi ho letto che ad oggi ne han già venduti 2,5 pezzi e prevedono di raddoppiare per le feste). Dice che per 18 mesi Kinect sarà dedicato solo al Gaming, poi si aprirà al mondo delle accademie e delle facoltà (ad es. medicina).

La serata è poi finita con una chiacchierata con Pietro Scott Jovane che ha ricordato la transizione di Microsoft dal mondo del software a quello dei servizi, una certa fiducia nella Cloud, in eccellenze come Kinect e in prodotti di forte rilancio come Windows Phone 7.

In definitiva, è stato uno dei più bei incontri aziendali cui abbia mai partecipato in una delle più belle cornici di Milano che non conoscevo, U Barba. La cosa drammatica è che 5 minuti sono troppo pochi: nei discorsi si accavallano gli stimoli, le domande e tante finestre che si aprono e delle quali purtroppo si può dare solo un accenno. E’ stato a volte come parlare con una ragazza stra-cool per 5 minuti e dover andar via senza prendere il numero di telefono.
D’altra parte, forse è proprio per questo che sono tutti sembrati così interessanti.

In ogni caso, la regola dello Speed Dating (non quella, l’altra!) è che alla fine se ti piace una, la richiami. Well done!

Commenti disabilitati su Microsoft Speed Dating: l’incontro aziendale definitivo

Feb 17 2009

Il primo blog IBM Italia

La filiale italiana di IBM ha aperto pochi giorni fa un blog intitolato IBM Softwareland. Ogni iniziativa che porti l’apertura di un’azienda verso l’esterno non può che essere ben accetta: da queste parti si considera molto importante non solo per l’utente, prima che il consumatore, ma anche per l’azienda stessa. E’ molto meglio avere in casa che altrove le eventuali critiche.

Entrando nel merito del progetto, anche se per adesso ci sono solo 3 post, il blog dovrebbe essere dedicato al sofware IBM e alle soluzioni che questo porta alla quotidianità.
E’ prevista anche una sezione in cui gli utenti possono proporre le proprie idee (a fronte di che?). Ottimo che non ci sia bisogno di registrazione e che i commenti vengano subito approvati.

L’unica cosa secondo me un po’ misleading – come dicono in IBM* 😉 – è la dicitura Editoriale per la parte principale del blog. Dettagli.

Così concepito, quello di Softwareland mi sembra un esperimento che potrebbe portare ad un corporate blog di IBM Italia, sulla falsariga di quanto già fatto in precedenza da altre multinazionali, come Microsoft, di stanza a Segrate, che forse è il comune italiano con il più alto tasso di aziende enormi per fatturato presenti con un blog. (NDR: potremmo inventarci un misuratore con abitanti del comune, fatturato multinazionali, numero blog aziendali).

In ogni caso, è prematuro dirlo: è più probabile che sia un pilota sul quale misurare questa eventualità. Ciò che è certo è che IBM, finalmente, vuole sperimentare – nel pensiero di uno dei suoi responsabili, Stefanonuovi canali di comunicazione, più interattivi, che trascendano il sito internet di IBM Italia. Bravi.

* ho fatto lì lo stage, peraltro con gente fantastica, per cui so come parlano. Una volta, alla mensa, una tizia mi fa “puoi shiftare di un posto, per favore?”

2 responses so far

Feb 11 2009

Auguri MClips

Published by under comunicazione

In qualche modo, il blog dei dipendenti Microsoft è un progetto che mi sta a cuore. Nei giorni scorsi, MClips ha compiuto un anno, festeggiato con tanto di torta.
Superate le prime timidezze iniziali, penso che come progetto sia positivo: ha i presupposti per essere un caso aziendale duraturo di successo grazie a Microsoft che è riuscita a interpretare con freschezza nuove logiche di comunicazione, affiancandole ad un approccio tradizionalmente top-down, ancor oggi necessario. Soprattutto, è ancora valida l’idea iniziale di MClips come incubatore di blogger, idea che si è sviluppata fino a coinvolgere oltre 60 persone e i vertici aziendali.

Chi conosce le multinazionali, sa quanto è difficile per loro aprirsi. MClips è il paradigma di come una società dovrebbe farsi coinvolgere, accogliendola, dalla rivoluzione in atto. Lo si vede in piccoli segnali: dall’utilizzo di strumenti di altre aziende alla conversazione rispetto a temi tradizionalmente difficili per l’azienda quali l’interoperabilità. Ricordo un post esemplare di Valboni proprio su questo punto.

Mettere in gioco la propria autorevolezza rispetto a più temi, ecco cosa significa MClips al quale, per alcuni motivi, sono legato. Certamente, come rilevato da Gigi e dagli stessi blogger di MClips, ci sono margini di miglioramento ma la strada è tracciata per restarci e trasformarsi.

Torta MClips from MClips on Vimeo.

Commenti disabilitati su Auguri MClips

Ott 06 2008

Internet tour (parte seconda)

Published by under comunicazione,io

Le polemiche sui gggiovani e su una generazione che non si smolla dalla poltrona sono ogni volta quantomeno pretestuose. La dimostrazione sabato pomeriggio quando all’internet tour si sono confrontati Pietro Jovane di Microsoft e Stefano Venturi di Cisco. Non ricordo bene i discorsi (mnaledetta arterio…), dico solo che due persone così chiare è raro trovarle in Italia: benché coo-petitor (la bizzarra definizione per cui le due società che rappresentano hanno una partnership di competizione), hanno dimostrato molto fairplay e una capacità di analisi  orientata al pragmatismo e al futuro.
Bravi, anche perché sono la dimostrazione che i cosiddetti gggiovani fanno strada quando hanno idee precise, più di metodologia, e determinazione nel portarle avanti.

Commenti disabilitati su Internet tour (parte seconda)

Set 12 2008

Mgmt illuminato

Published by under comunicazione

Gli amici di Digital PR hanno organizzato una serie di incontri con Microsoft e Telecom. Per chi segue da un po’ questo blogghetto, si è parlato già molto della prima azienda e di come sia riuscita a traghettarsi da una logica di comunicazione top-bottom, peraltro tipica di tutte le multinazionali, a una di tipo paritaria, caso decisamente unico.

Non che sia un male di per sé la logica verticale, ma forse non più adatta per un certo tipo di consumatore, accorto e fugace, sempre più insensibile agli stimoli di massa.

All’azienda di Redmond si è affiancata adesso Telecom Italia, un’azienda per certi versi molto più difficile, con più fattori critici. Si tratta di un’azienda italiana, uscita da vicissitudini enormi e che per recuperare è dovuta tornare al management industriale del ’98, prima che gli asset della società fossero rovinati dalle ingerenze eccessive della finanza, prima che della politica, e dalla miopia del vincitore, incapace di guardare il mondo che cambia.

E’ un passo straordinario quello che oggi avverrà a Riva del Garda.

Commenti disabilitati su Mgmt illuminato

Feb 07 2008

20 ore a Roma possono bastare

Published by under io,social network,vita reale

Pare che l’incontro di Roma sia andato piuttosto bene: solo il locale godeva di un’umidità pazzesca ma i tramezzini ci sono piaciuti assai. Al di là delle note di colore, credo che l’incontro abbia funzionato per le domande senza peli degli invitati e la disponibilità dei responsabili di Microsoft a rispondere.

Uscito per ultimo dal locale me ne sono andato in albergo per metter giù la roba, lavarmi e, possibilmente, dormire. Solo che la fame ha preso il sopravvento: scendo nella hall e mi informo dal concierge su una pizzeria vicina. Da queste parti si preferisce la pizza romana, soffice! fine! leggera!, a quella napoletana, a volte troppo pesante.

Fortunatamente il concierge insiste per darmi un ombrello: infatti, appena varco le soglie dell’albergo, comincia la tempesta con via Cavour trasformatasi in una serie di rigagnoli accelerati. Una ragazza si mette vicino a me, così le chiedo se ha bisogno di un passaggio sotto l’ombrello. Lei sorride, ride e dice cortesemente di no. Me ne vado a magna’.

Dopo la pizza, pure cara per gli standard romani, comincia il mio tour per una capitale straordinariamente deserta. Quirinale, Fontana di Trevi,  via Frattina, Piazza di Spagna, via Condotti, Pantheon, Macchina da Scrivere, casina. Neanche l’ombra di un turista o di un pub inglese (solitamente la mia salvezza quando mi trovo in paesi stranieri). Nota per Suz, anch’io mi sn ritrovato in via della Scrofa (probabilmente è lì che hanno concepito la legge elettorale attuale, il cosiddetto porcellum): tutte le strade portano a Roma o tutte le strade di Roma portano lì???

Arrivo finalmente in via Cavour, sto per entrare in albergo quando noto ai margini delle strade donne un po’ di facili costumi. Oddio, ora capisco perché, quando sono uscito dall’albergo qualche ora prima, la tipèlla aveva rifiutato il mio cortese invito!

One response so far

Feb 01 2008

Tappa a Roma per Microsoft

Published by under io,social network

Lunedì prossimo scenderò lungo lo stivale per raggiungere la capitale per un incontro, che ho contribuito a organizzare, tra alcune persone di Microsoft e dei blogger.
Mi fa molto piacere andarci, fondamentalmente perché, dopo tanti incontri bit-à-bit (francesismo mal riuscito perché il suono “bit” in francese potrebbe dar luogo a facili quanto scurrili fraintendimenti),  sarà finalmente l’occasione di vedersi vis-à-vis con alcune persone che leggo quotidiamente ma che non ho mai conosciuto come Galoppini, Martines, Pavolini o Gigi Cogo. L’unico rammarico è che non ci saranno altri come Maffulli, Attivissimo o Cosenza (Giacomo! non Vincenzo!), che non riescono a venire. Ma tant’è, ci saranno altri che vedo sempre con molto piacere (nn linko perché sono troppi, slap slap).
E con questo post credo che alcune polemiche sulle liste (antipatiche ma necessarie) possano anche cessare: chi ha orecchie per intendere…

5 responses so far

Gen 07 2008

Video pauer sul pensionato Bill Gates

Published by under segnalazioni

Come direbbero i miei friends di Middlesbrough, questo video è fuck-astic!
E’ il video che è stato presentato a Las Vegas per lo speech di Bill e narra del suo ultimo giorno in azienda con la presenza, tra gli altri, di Clooney e Spielberg: autoironia, ritmo, senso di appartenenza. Video pauer!
Quando vedo esempi come questi, guardo stupito e ammirato alla differente cultura aziendale degli States: awesome!
Chi potrebbe fare una cosa simile in Italia?

Video: Bill Gates Last Day CES Clip

Disponibile anche su youtube

Commenti disabilitati su Video pauer sul pensionato Bill Gates

Nov 13 2007

E’ sbarcata Microsoft su Facebook?*

Published by under social network

ms facebookDopo la rivoluzione annunciata e il problema sorto la settimana scorsa, la curiosità mi spinge a digitare su Facebook il nome di una celebre software house. E così scopro che alle 12.23am dell’11 novembre è sbarcata Microsoft su Facebook: qui il profilo che, per esperimento, ho già aggiunto tra i miei prodotti di riferimento.
Per ora, comprensibilmente, la pagina è un po’ povera: ci sono una discussione (Microsoft vs Google) e qualche commento, oltre alla presenza di 43 fans del brand. Si attendono sviluppi interessanti su come la pubblicità diventerà davvero social (mi ricorda qualcosa..) e riuscirà a trovare il giusto equilibrio tra le esigenze promozionali ed economiche delle aziende e quelle ludiche degli utenti.

* ufficiale, non ufficiale?

RSS Iscrìviti al mio feed rss

5 responses so far

Ott 25 2007

Microsoft e Facebook

Published by under segnalazioni,social network

Microsoft acquista l’1,6% di Facebook per $ 240m valutando $15 miliardi la creatura di Zuckerberg.

Due anni fa, Murdoch comprò MySpace per $580 milioni, cifra che fece un certo scalpore.

Il singolo utente FB è valutato oggi $250 per 60milioni di iscritti, mentre quello MySpace, sui 90 milioni del 2005, è di soli $6.

La differenza sta nel diverso timing (siamo in  una bolla?), nella lungimiranza di Murdoch allora e, infine, in una maggiore scolarizzazione e chiusura di FB (dove fino a poco tempo fa bisognava avere un indirizzo universitario per accedervi) che aumenta la qualità del singolo agli occhi degli investitori pubblicitarii.

Interessante considerazione di Mr. Reset

Commenti disabilitati su Microsoft e Facebook