Tag Archive 'digital pr'

Gen 21 2014

Cityrunners, parte una nuova esperienza di running

Ci sono cose che aspettano solo di una scusa e di uno stimolo esterno per cominciare: correre è una di queste e la fortuna ha voluto che da queste parti si venisse selezionati all’interno di #Cityrunners. Si tratta di un programma di allenamento con cui Adidas ha coinvolto 42 milanesi, di nascita o adozione, per portarli a correre la maratona di Milano di aprile con una staffetta 4x10km.

A margine dell’operazione i partecipanti verranno seguiti da 4 trainer, 1 mental coach, 1 nutrizionista per sviluppare al proprio meglio la propria preparazione in 6 incontri quindicinali e il supporto di una piattaforma.
Da queste parti si è molto felici di potervi partecipare per diversi motivi.

1. Mi ha sempre affascinato la capacità dei corridori di mantenere la concentrazione e di sapersi dosare lungo il percorso.

2. Nel giro digitale ho sempre guardato con ammirazione i km di Andrea Beggi.

3. Correre può essere un buon modo per visitare le città, cosa che ad Alessio Jacona riesce particolarmente bene quando nelle brume del mattino riesce a cogliere particolari di una città spoglia.

4. Avevo bisogno di una bella scusa per tornare a fare con costanza un’attività fisica dopo un anno fermo e una misura superiore di jeans.

5. Adoro osservare da dentro le operazioni che coinvolgono blogger e amici conosciuti in rete.

6. Adidas è un brand che trovo super, non solo perché tedesco ma per la filosofia senza fronzoli, molto tecnica, solo tu, la strada, la tua voglia di fare. E in più sono curioso di correre con delle scarpe specifiche, cosa che non ho mai fatto. Nella foto in calce al post “trova le differenze” tra le adidas street yeah e le Supernova Glide 6 :).

7. Amo i numeri e le statistiche per cui non vedo l’ora di monitorarmi, sfidare gli amici, e condividere i miglioramenti o, perlomeno, i risultati.

8. Perché leggendo la LSDP Top 100 Sports Thinkers of 2013, ho scoperto quel figo di Fauja Singh, il maratoneta che si è ritirato a 103 anni,  e le iniziative di politica dello sport che partono dalla corsa per diffondere il benessere pubblico. 

Di come si svolgerà l’iniziativa parlerò soprattutto su Instagram e Twitter, con hashtag #cityrunners. Go!
[Disclaimer, in quanto selezionato da Adidas sono stato omaggiato di materiale: scarpe e abbigliamento]

Continue Reading »

2 responses so far

Dic 07 2008

Webank, il cliente ideale di cui diventare cliente

Published by under comunicazione,segnalazioni

[bozza di giugno, mai pubblicata]

Disclaimer: grosso conflitto di interesse per legami con l’agenzia, odio verso le banche e qualche liaison passata con webank stessa

Webank, con gli amici di Digital PR, ha organizzato settimana scorsa un incontro con alcuni blogger. Trattandosi di una banca online è strano che nn lo abbia fatto prima. Tuttavia, trovo straordinario che una banca (ripeto, una BANCA) si metta in gioco così come trovo molto bravi i ragazzi di Webank che, nonostante qualche scivolone passato, si sono affidati ai consigli di un’agenzia di PR per procedere. La disponibilità significa intelligenza.

Leggo che Stefano ha deciso di aprire un conto. Anch’io se la pigrizia me lo permette potrei fare lo stesso. Direi che questi di webank si sono già ripagati il costo dell’incontro. Altro che pubblicità stupide tipo Che banca...

[update, dicembre]

Per caso mi ritrovo all’aperitivo di Webank, organizzato sempre dai ragazzzi di Digital. Finalmente l’occasione di capire qualcosa in più sui meccanismi che regolano la banca:

  • wiki interno per la soluzione dei problemi del cliente
  • richiami telefonici al cliente stesso o al prospect per capire perché non si è fidato a completare il form con il 70% di persone che hanno aderito dopo aver parlato con il team della banca
  • l’AD della Banca che controllava lui stesso le mail a info
  • il costo dei servizi che aumentano ma, essendo efficenti, non vengono percepiti come onerosi dal cliente
  • le ipotesi di cannibalizzazione tra le diverse divisioni della banca, Webank è infatti controllata dalla gloriosa Banca Popolare di Milano.

Tutti questi sono stati temi che hanno trovato risposte sicure, convinte e coerenti.
Va bene il potere della relazione, quello per il quale se conosci qualcuno smusserai alcune critiche, ma, in Webank, una forma mentis al servizio del cliente sembra proprio esserci, a differenza di altre banche. E qui potrei partire con la mia esperienza con le banche come quella piccola di provincia, la banca agricola mantovana, inglobata dal colosso senese e rivelatasi una bufal, ma tant’è.

Se quelli di Webank si comportano bene come clienti, intendendo il ruolo dei consulenti come attivo e non come mero esecutore in outsourcing, allora come cliente posso aspettarmi molto da loro, pur nei grandi numeri.

Tutto troppo perfetto? Forse sì, vedremo dopo che avrò aperto un conto da loro. Per il momento, bravi!

Commenti disabilitati su Webank, il cliente ideale di cui diventare cliente

Ott 28 2008

A che ora? 8 in punto

Published by under segnalazioni

Quando ancora facevo il timido pr, qualcuno (nn lo dico, no no) mi diceva che le mie segnalazioni erano ben accette perché venivano incontro alle esigenze di chi non sempre riusciva ad aggiornare il suo spazio. Il mio buon ex collega Simone mi segnala la nuova iniziativa di Fiat, 8inpunto, aiutandomi a riempire questo povero blog che langue in mille pensieri e nell’impossibilità di aggiornarlo dal lavoro.

Invero, avevo già sub-odorato…ma la segnalazione mi ha dato qualche notizia in più: si tratta di un web serial con casting, video e la possibilità di interagire nella struttura del racconto.
Di primo acchito, conoscendo esperimenti più o meno simili, la cosa mi lascia un po’ basito ma conoscendo la serietà dei nomi che ci sono dietro, mi aspetto un bel risultato. Speriamo che gli autori e gli utenti si sbizzarriscano e si ricordino di come la Panda una volta veniva chiamata*…

In ogni caso, della pagina principale mi fa impazzire la foto che hanno usato come scena. Offro una birra a chi indovina**

*dai, senza googleare!

** se sei di milano, una birra piccola

Commenti disabilitati su A che ora? 8 in punto

Ott 25 2008

Moltomedia rules

Published by under comunicazione,segnalazioni

Ogni volta che mi segnalano il progetto, ormai al terzo giro, mi fa proprio piacere: Moltomedia è un laboratorio di idee creative e che coniuga diversi media. Erano partiti molto bene sfruttando i diversi media sociali – i loro twitter e il blog sono dei piccoli capolavori – hanno poi coinvolto in modo attivo e non piacione diversi blogger, ora la loro avventura continua con il pragmatismo che hanno già dimostrato.

Dicevo all’inizio che mi faceva piacere formalmente questa segnalazione e mi è venuto in mente il motivo, però alla fine che importa? Non lo scrivo, come dire che ormai il progetto ha vita a sé e tutto il resto non importa, bravi bis.

Ah, naturalmente, tanto per restare sulla sostanza, la segnalazione era dovuta al fatto che ci sono ancora pochi giorni per fare una proposta. Mumble mumble..

Update: c’è tempo fino al 10 dicembre

One response so far

Set 12 2008

Mgmt illuminato

Published by under comunicazione

Gli amici di Digital PR hanno organizzato una serie di incontri con Microsoft e Telecom. Per chi segue da un po’ questo blogghetto, si è parlato già molto della prima azienda e di come sia riuscita a traghettarsi da una logica di comunicazione top-bottom, peraltro tipica di tutte le multinazionali, a una di tipo paritaria, caso decisamente unico.

Non che sia un male di per sé la logica verticale, ma forse non più adatta per un certo tipo di consumatore, accorto e fugace, sempre più insensibile agli stimoli di massa.

All’azienda di Redmond si è affiancata adesso Telecom Italia, un’azienda per certi versi molto più difficile, con più fattori critici. Si tratta di un’azienda italiana, uscita da vicissitudini enormi e che per recuperare è dovuta tornare al management industriale del ’98, prima che gli asset della società fossero rovinati dalle ingerenze eccessive della finanza, prima che della politica, e dalla miopia del vincitore, incapace di guardare il mondo che cambia.

E’ un passo straordinario quello che oggi avverrà a Riva del Garda.

Commenti disabilitati su Mgmt illuminato

Mag 16 2008

Ciao!

Published by under io

E’ un po’ come gli ultimi giorni di scuola che si stanno avviando alla conclusione: compiti in classe finiti, qualche interrogazione a sorpresa ma il più è fatto e si pensa già all’anno successivo, dopo aver salutato privatamente, via mail, alcuni compagni che si stimano.
Si lascia una bella società con ottime persone e si prova con curiosità il nuovo.

12 responses so far