Archive for dicembre, 2014

Dic 03 2014

Idee regalo per il primo Natale #zerostress

Published by under comunicazione,io,Web Economy

fighter_324_1Natale #zerostress è quella cosa che ti capita con Paypal quando gli altri si stanno azzuffando nei negozi. Parafrasando il più grande dei Fab 4, è quello che mi è venuto in mente quando è finito #nataleconpaypal, l’operazione Paypal – di cui peraltro sono un grandissimo fan – che mi ha permesso di chiudere al primo dicembre tutti i doni previsti per Natale.

L’impegno preso con Paypal è stato quello di partecipare, rispettando un budget predefinito, alla settimana dello shopping on line che culminava nel Black Friday e nel Cyber Monday, occasioni US ormai sdoganate anche al di qua dell’Atlantico.
Questi due eventi nascono in US per dare inizio alla stagione degli acquisti natalizi. Il primo, in particolare, è anche un indicatore economico molto importante – che determina una previsione degli andamenti della stagione – e pertanto spesso le aziende si impegnano per la buona riuscita con offerte e sconti. Le code presso il retail iniziano dalla sera precedente, a volte scattano a mezzanotte: insomma, stress totale garantito.
Di fronte a questa prospettiva, quando Paypal mi ha sfidato, insieme ad altri shopping guru (lol), a compiere tutti gli acquisti per Natale in una settimana, la risposta è stata affermativa e, a sette giorni, la sfida vinta.
A parte che ho scoperto come funzionano con Paypal i pagamenti in app terze (momento nerd, spettacolo!), l’operazione mi ha dato la possibilità di andare alla ricerca di prodotti e siti diversi dai soliti noti.
Dai libri e dal lego Star Wars da IBS.it alle stampe di foto Instagram – Printic, codice sconto 0BC476, e Polagram, codice PGL5UTSK – ad abbonamenti Spotify, a biglietti del treno e a della tecnologia per runner da Decathlon, gli acquisti più particolari – e di cui saranno particolarmente felici i riceventi – sono stati quelli da IloveDoodle, una disegnatrice malesiana incredibile capace di unire semplicità e fantasia, e Donna Wilson, un’artista dallo straordinario talento.

Sono però i calzini oybo l’acquisto definitivo di cui sono più orgoglioso, grazie all’edizione speciale dedicata a Fight the Stroke, l’associazione benefica che due straordinarie persone hanno creato partendo dall’esperienza del figlio (qui il TED meraviglioso).
Se Natale è occasione per fare del bene, partirei da loro: se poi è #zerostress e vi permette di godervi la vita mentre gli altri sono in coda, anche meglio.

[Disclaimer: post per certi versi sponsorizzato].

Commenti disabilitati su Idee regalo per il primo Natale #zerostress

Dic 02 2014

Nerio Alessandri, un libro per smuovere

Published by under libri,segnalazioni,vita reale

NerioCoverPer Nerio Alessandri da queste parti si nutre una grandissima stima: è una di quelle persone in grado di cogliere gli aspetti fondamentali di una disciplina e applicarli rapidamente, e con successo, al proprio ambito.

Fin dagli inizi, con questo spirito il giovane Nerio riesce a crescere e a creare quel gioiellino che è Technogym. Dalla meccanica all’elettronica al digitale e, per il prossimo futuro, l’Internet of Things.

Di fronte al suo libro – “Nati per muoverci“, Baldini & Castoldi, (IBS o Amazon) – è raro trovare un testo in grado di prestarsi a così tanti livelli di lettura: un viaggio negli anni ’80, un saggio di formazione, un’epopea imprenditoriale, un manuale di business innovation e management, un programma politico nel senso più nobile dell’espressione.
Gli elementi che legano questi generi così diversi sono quelli dei materiali preziosi per una mente viva: curiosità, consapevolezza, intuizioni, cultura del lavoro.

Il libro è godibile in grandissima parte e si legge tutto in un fiato, forse si trascina un po’ nel finale ma riesce a restituire in quasi tutte le sue righe una gran quantità di concetti e aneddoti legati agli inizi, ai sodalizi sportivi e agli incontri più importanti legati allo sport, allo spettacolo e alla politica: Senna, Briatore, Schumacher, Todt, McCartney fino all’episodio meraviglioso del Cremlino o all’inaugurazione del Technogym Village.

Non sono solo storie piacevoli o interessanti. Lungo le pagine Alessandri riesce a spiegare con semplicità l’elemento centrale del suo modus operandi, che è il vero protagonista del libro: l’imbestio di suo conio, quel misto di fame e grinta per il risultato e il prodotto, quella forza che porta lui e i suoi collaboratori a migliorarsi sempre, a non sedersi mai sugli allori.

Se una cosa ha successo, è già vecchia” è uno degli adagi più paradossali di Alessandri: riesce a comunicare pienamente l’amata distruzione creatrice di Schumpeter che, tuttavia, non si limita ai concorrenti o all’ambiente in cui opera l’azienda ma passa soprattutto per la propria azienda.
Il grande merito di Alessandri è quello di aver posizionato la sua azienda su concetti più alti, non solo aggiungendo il tocco in più, quello italiano legato al design, ma anche associando la propria impresa – la lingua italiana che permette questa doppia sfumatura è una lingua meravigliosa – alla filosofia del Wellness catalizzando e cavalcando una vera e propria domanda latente. 

L’obiettivo di Alessandri è ambizioso: il miglioramento della vita delle persone attraverso uno stile di vita adeguato che include il movimento, la salute e la prevenzione. A questo proposito c’è una sua frase dalle implicazioni molto forti: “la cura è un diritto, la prevenzione un dovere“. Dentro ci si vede una dottrina politica fatta di consapevolezza e responsabilità, sia verso gli altri che verso se stessi.

Sarebbe fantastico poter scrivere molto altro sul libro ma non si vuole correre il rischio di rovinare il piacere della lettura (disclaimer, tomo che ho avuto in dono ma che avrei acquistato).
Un ultimo consiglio. Per questo Natale fate un favore alla comunità, regalate “Nati per muoverci”a chi è in crisi, si piange addosso, deve crescere se stesso (o i figli), oppure prendetelo per voi stessi, leggetelo e poi gambe in spalla per rendere questo mondo un posto migliore.

Commenti disabilitati su Nerio Alessandri, un libro per smuovere